Orologio da rote

di

Claudio Guardo


Claudio Guardo - Orologio da rote
Collana "I Gigli" - I libri di Poesia
14x20,5 - pp. 36 - Euro 7,00
ISBN 978-88-31336086

Clicca qui per acquistare questo libro

Vai alla pagina degli eventi relativi a questo Autore


Pubblicazione realizzata con il contributo de IL CLUB degli autori in quanto l’opera è finalista nel Concorso Jacques Prévert 2019


Prefazione

Conosco Claudio Guardo da quando ero bambino. O almeno ho sempre saputo dell’esistenza dell’uomo, solo in tempi più recenti mi sono avvicinato al poeta, trasformando una paesana conoscenza in una consapevole stima bagnata d’amicizia. L’onore (e piacevole onere) di scrivere questa prefazione deriva dai nostri quotidiani incontri, durante i quali condividiamo intuizioni ed opinioni su vari argomenti. Pur avendo una formazione umanistica, non sono un esperto di poesia, non mi arrogo la competenza necessaria ad analizzare a fondo un’opera tanto complessa ed affascinante, ma scrivo queste righe forte di due convinzioni: la prima, è che le anime che dedicano la propria vita allo studio ed allo sviluppo di una qualsiasi forma d’arte (per me il cinema) siano di per sé gemelle, e in quanto tali condividano emozioni, complicità ed esperienze sconosciute a chi non gode di tale passione; la seconda, riprendendo una dedica che Claudio mi scrisse tempo fa citando l’artista svizzero Thomas Hirschhorn, è che lo scopo dell’arte non sia la comprensione della stessa, bensì “fornire materiale su cui riflettere”.
È il celebre sonetto barocco di Ciro di Pers a dare il titolo a questa raccolta, un’immagine inquietante ed elaborata che racchiude in sé tutta la disperata caducità del tempo riservato alla vita umana. Un tema, quello del fuggire del tempo e dell’avvicinarsi della morte, che attraversa in toto l’opera di Claudio Guardo, trovando in queste poesie una nuova ed incredibile sintesi. Punteggiata di splendidi haiku, con i loro versi volti a ritrovare negli elementi stagionali un continuo riferimento alla natura umana, la raccolta si snoda tra amari bilanci (“Ho imparato / il passo / del tempo / che scivola / verso la fine / ticchettando / nell’angolo / più lontano”) e sfocate memorie di felicità mai vissute: “Sono rimasto / solo con / i miei / fantasmi / e il gioco / erotico / di un nome”.
Il susseguirsi delle stagioni crea un circolo di ineluttabilità e di contemporanea nostalgia per il passato, visto a tratti come periodo delle emozioni immediate, dei sogni ancora vividi, dei luoghi dove “le radici / del cielo / toccavano / terra, prima / dei dubbi / dell’estate”. L’haiku che apre il volume già ne sintetizza i tratti di pacata malinconia e straziante consapevolezza: “Posso sognare, / ma non posso inseguire / gli stessi sogni”, cedendo il passo a composizioni in cui si respira la spasmodica ricerca di elementi di serenità e benessere (il vino buono, i colori dell’autunno, il suono del violino, il canto degli uccelli), poi smarriti nel sopraggiungere della notte, nel ritrovare una lucida consapevolezza, persino nell’affrettato e quasi inopportuno sorgere del sole, che accelera il fiorire delle primule e cancella la poesia umida di rugiada dell’aurora. Folgoranti, in questo senso, i due haiku che definiscono l’altalenante animo del poeta solo grazie al diverso riverbero della luce sulle foglie; una serenità depressa, magicamente compiuta nella stupita contemplazione di piccoli frammenti di mondo.
Prosegue, come nelle opere precedenti, lo strazio per l’impossibilità delle parole di colmare ogni vuoto dell’esistenza, così in “Ancora a Silvia” sono gli “spazi bianchi / tra le righe / con tutto / quello che / non posso / dirti” ad assumere un ruolo di primo piano, ed il tema della lacuna da riempire, del deserto dell’animo, ritorna in forma fisica in un “Castello / abbandonato, senza / rintocchi / di campane” e nell’atmosfera dimessa e romantica di fine turno in un “Bar a mezzanotte”, con le scarse vetture che “passano / indolenti / lungo la strada”.
Non sa cosa fare con i propri versi Claudio Guardo, come dichiara con umiltà e rassegnazione nella delicata metrica di “Con grazia”. Personaggi come il giocoliere, o gli angeli dell’omonima composizione, appaiono isolati e sperduti in un contesto che sembra non riconoscerli o non comprenderli. La loro ricerca di affetto (forse di solidarietà?), o di accettazione, e l’incredibile dignità che scaturisce dalla loro descrizione ci trasportano in un universo abitato da molteplici Quasimodo, la cui profonda malinconia ben si sposa con le tanto amate campane che “lontane / rintoccano / a sera”, come tra le guglie di Notre Dame.
E la musica fa capolino più volte, ad alleviare tensioni mai sopite e a stuzzicare la memoria con precisione quasi chirurgica, che siano le note di un “Concerto per violino” che “travolge / mondi / ormai persi” o il malinconico ritmo di una triste “Habanera”, che sia la paratassi più brusca di un “Rap lento”, forse la composizione più secca e dura dell’intera raccolta, o il duplice ricordo di un’arpa, quella eolia che non “risuona / al vento” e quella intrisa di romantico erotismo “che si posa / su di un flauto”.
Ma è “il chioccolio / della fontana” a riassumere con la sua sinfonia senza tempo l’intero significato della raccolta. Un suono atavico ed essenziale, disturbato dalle voci umane, così invadenti e superficiali da non rendersi conto che il loro errato ed enfatico interagire non si amalgama con la tenue e maestosa semplicità della vita che scorre. Il riposo della breve eternità racchiude in sé le meraviglie di momenti passati, di impressioni colte all’improvviso, di felicità mai concretizzatesi. Dolenti attimi che inesorabilmente trascorrono, consapevoli dell’inevitabile fine, ma incapaci di abbandonare completamente l’umano desiderio di poter rincorrere i propri sogni.

Michele Bellio


Orologio da rote


HAIKU

Posso sognare,
ma non posso inseguire
gli stessi sogni.


OROLOGIO DA ROTE

Mobile ordigno di dentate rote
lacera il tempo e lo riduce in ore
ed ha scritto di fuor con fosche note
a chi legger le sa: sempre si more.

Ho imparato
il passo
del tempo
che scivola
verso la fine
ticchettando
nell’angolo
più lontano;
ho imparato
il suo senso,
il divenire
della pelle
e della pietra
scavata.


ELEGIA

Le generazioni degli uomini
sono come le foglie degli alberi
e si offendono
a volerle chiamare per nome.

Musa tardiva,
simile
a un frutto
maturo
d’autunno,
vorrei dirti
che ho visto
professori
senza storia
e libri
di parole vuote
andare insieme
nel gorgo
che li trascina.


LEGGENDA

Sono rimasto
solo con
i miei
fantasmi
e il gioco
erotico
di un nome:
ripeto
la memoria
del tuo viso,
rivedo
un suono d’arpa
che si posa
su di un flauto.


HAIKU

Ormai l’autunno
di questa vita scorre
quasi per caso.


IL VINO BUONO

Tristi
domeniche
d’autunno,
inseguendo
le parole
e il vino buono,
quando l’arpa
eolia non
risuona
al vento:
ma ascolta
come sospira,
calma,
la pioggia.


ARIA CANTABILE

Dal suo gentil sembiante
nacque il mio primo amore

Ed era piena
primavera, dove
una volta avevo
pianto, dove
le radici
del cielo
toccavano
terra, prima
dei dubbi
dell’estate,
dell’incerto
autunno,
dell’inverno
desolato.


HAIKU

Sotto un albero
colorato d’autunno
vorrei trovarti.


UNA CANZONE

“Per quanto
tempo mi
basteranno
le tue parole?”
“Prendi con te
il cane
e un bastone
da pellegrino;
non credere
alla tua
immagine
riflessa
nel vetro
di una finestra”.


ALBERO NELLA NEBBIA

L’albero
nella nebbia,
la fotografia
di un merlo
tra i rami
secchi,
la strada
disseminata
di amori
che porta
alla morte,
questi versi
rubati
a nessuno.

[continua]


Se sei interessato a leggere l'intera Opera e desideri acquistarla clicca qui

Torna alla homepage dell'Autore

Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Chi siamo
La Rivista
La voce degli Autori
Tutti i nostri Autori
Per iscriversi
ClubNews
Il notiziario gratuito
Ultimi inserimenti
Homepage
Avvenimenti
Novità & Dintorni
i Concorsi
Letterari
Le Antologie
dei Concorsi
Tutti i nostri
Autori
La tua
Homepage
su Club.it